GALEONI SUL GARDA

GALEONI SUL GARDA

Già nel  1400  i veneziani  trasportarono  delle galee sul Garda  per fronteggiare  la lega di Cambray visto che come riporta il Conte Francesco Bettoni la riviera Benacense fu fedele alla repubblica Veneta…”

MA NON E’ UNA NOVITA’ NELLA STORIA DEL GARDA

Allorché sopravvenne in fatti il tempo nefasto
della lega di Cambray, allorché l’Europa
tutta, si può dire, congiurò contro Venezia e
fu sul punto di annientarla, la Riviera stette
incrollabile nella sua fede. E quella fede serbò
e in gravi periodi delle guerre contro il Turco;
e quando la rivoluzione del 1797 segnò gli estremi
giorni dell’antica Repubblica, e per lei
combattendo eroicamente, cadde coll’armi in pugno
ravvolta nel sacro stendardo di S. Marco;
bello e forte esempio di amore e fedeltà di un
popolo libero verso il patrio governo….”

Due relitti di queste navi sono al largo di Lazise  affondate volontariamente  per non lasciarle  in mani nemiche.

inoltre  flotte armate si fronteggiarono spesso nel lago lungo tutta la storia  le flotte austriache e francesi si fronteggiarono per tutto il periodo delle guerre napoleoniche 

 Con le guerre risorgimentali compaiono i piroscafi armati 

vedi la navigazione storica sul lago di Garda

MA I GALEONI RITORNANO

A Peschiera negli anni sessanta Walter Bertolazzi portò sul lago di Garda il galeone usato per il film  Ulisse dal produttore Dino De Laurentiis. Dapprima avrebbe dovuto diventare un ristorante ma in realtà venne usato con altri galeoni  per girare films nello specchio del Lago Franco Delli Guanti e Ludovico Maillet, hanno realizzato addirittura una mostra che racconta di queste avventure  che ritraggono i giovani locali nelle vesti di pirati sui set cinematografici «La scimitarra del saraceno», I pirati della costa, Il terrore dei mari Il segreto dello sparviero nero, Sansone contro i pirati, questi alcuni dei titoli  dei film  girati  fu un violento temporale  che il 16 agosto 1966 distrusse l’intera flotta di navi e decretò la fine dell’«Hollywood sul Garda». Il Centro Culturale “La Firma” di Riva del Garda fa rivivere attraverso una mostra e un documentario l’avventura della “Bertolazzi Film” di Peschiera del Garda

antichi galeoni sul lago di Garda
una vecchia cartolina che ritrae i Galeoni
porto canale
porto canale in una vecchia cartolina

Nel 1959 quando Walter Bertolazzi fece una scommessa con il produttore Dino De Laurentiis. Bertolazzi propose di portare un galeone di proprietà di Dino De Laurentis ormeggiato da anni a Fiumicino sul lago di Garda. Se fosse riuscito a trasportare fino al lago di Garda il galeone non avrebbe pagato un soldo di passaggio di proprietà e la nave sarebbe stata sua. Il Galeone fece il giro d’Italia ed risalì il fiume Po sino a Mantova il periplo dell’Italia, e con un trasporto speciale per giunse all’idroscalo di Desenzano dove avvenne il varo della nave ribattezzata “Circe” .

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella cookie policy.
Accedendo al pannello delle preferenze puoi , in qualsiasi momento, liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso all'utilizzo di cookie o tecnologie simili non funzionali.
Tra queste potremmo ad esempio utilizzare dati di geolocalizzazione e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, e trattare dati personali come i tuoi dati di utilizzo, per finalità pubblicitarie: annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto, osservazioni del pubblico e sviluppo di prodotti.
Puoi acconsentire all’utilizzo dei cookie non funzionali utilizzando il pulsante “Accetta”.
Oppure puoi selezionare quali cookie o tecnologie simili abilitare o disabilitare.
In ogni momento puoi modificare il consenso espresso .
Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.
Le tue preferenze espresse si applicheranno solo a questo sito.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy