SCI NAUTICO SUL GARDA
sci nautico davanti a Sirmione cartolina
sci nautico davanti a Sirmione cartolina storica
AFFI CASTIGLIONE DELLE STIVIERE GAVARDO NAGO TORBOLE  RIVOLI VERONESE TORRI DEL BENACO
ARCO CAVAION VERONESE GUIDIZZOLO PADENGHE  SUL GARDA  SALO TOSCOLANO MADERNO
BARDOLINO CAVRIANA LAZISE PASTRENGO  SAN FELICE DEL BENACO TREMOSINE SUL GARDA
BEDIZZOLE COSTERMANO DEL GARDA LIMONE SUL GARDA PESCHIERA DEL GARDA  SAN ZENO DI MONTAGNA TRENTO
BRENZONE SUL GARDA DESENZANO DEL GARDA LONATO DEL GARDA POLPENAZZE DEL GARDA  SIRMIONE VALEGGIO SUL MINCIO
BRESCIA DRENA MAGASA PONTI SUL MINCIO  SOIANO DEL LAGO VALLIO TERME
BUSSOLENGO DRO MALCESINE POZZOLENGO  SOLFERINO VALVESTINO
CALCINATO GARDA MANERBA DEL GARDA PREVALLE  SONA VERONA
CAPOVALLE  CALVAGESE DELLA RIVIERA MANTOVA MEDOLE MONIGA DEL GARDA  
CAPRINO VERONESE GARDONE RIVIERA MONTICHIARI  PUEGNAGO DEL GARDA  TENNO VOLTA MANTOVANA
CASTELNUOVO DEL GARDA GARGNANO MUSCOLINE  RIVA DEL GARDA  TIGNALE  

vedi le previsioni meteo e venti

REGOLAMENTO PER LO SCI NAUTICO

1. Lo sci nautico è consentito dalle ore otto alle ore venti, con tempo favorevole e lago calmo,

nelle acque distanti almeno cinquecento metri dalla riva.

2. Nell’esercizio dello sci nautico si osservano le seguenti norme:

a) i conduttori delle unità sono assistiti da persona esperta nel nuoto; la partenza e il recupero dello

sciatore avvengono in acque libere da bagnanti e da unità o entro gli eventuali corridoi di lancio;

b) la distanza laterale di sicurezza fra il battello trainante e le altre unità deve essere superiore alla

lunghezza del cavo di traino;

c) durante le varie fasi dell’esercizio la distanza tra il mezzo e lo sciatore non deve mai essere inferiore

a dodici metri;

d) le unità adibite allo sci devono essere munite di dispositivo per l’inversione della marcia e per la

messa in folle del motore e dotate di un’adeguata cassetta di pronto soccorso e di un salvagente per lo

sciatore trainato;

e) è vietato a tale unità trasportare altre persone oltre al conducente e all’accompagnatore esperto di

nuoto ed eseguire il rimorchio contemporaneo di più di due sciatori;

f) gli sciatori devono indossare il giubbotto di salvataggio.

3. Per l’esercizio dello sci nautico, in deroga al limite di velocità previsto dal comma 2

dell’articolo 14, è consentito alle unità di raggiungere la velocità massima di 25 nodi; per le scuole di

sci nautico legalmente riconosciute, all’interno di aree appositamente concesse e delimitate, valgono le

norme previste dai regolamenti sportivi.

Art. 20

Impiego delle tavole a vela

1. La navigazione con tavole a vela è consentita solo di giorno e con buona visibilità, da un’ora

dopo l’alba fino al tramonto.

2. I conduttori regolano il natante in modo da non creare situazioni di pericolo o di intralcio alla

navigazione.

3. E’ obbligo dei conduttori indossare il giubbotto di salvataggio. La presenza di persone o

animali a bordo è consentita solo ove l’unità sia convenientemente armata.

4. E’ vietato l’impiego delle tavole a vela:

a) sulla rotta delle unità in servizio pubblico di linea;

b) nei porti e in prossimità dei loro accessi;

c) nelle zone riservate alla balneazione;

d) nelle zone mantenute a canneto;

e) nei corridoi di lancio dello sci nautico.